vai al contenuto principale
Manutenzione impianto frenante camion: come si esegue?

Manutenzione impianto frenante camion: come si esegue?

Introduzione

L’impianto frenante di un camion è una componente essenziale per garantire la sicurezza della guida, in quanto permette di controllare con precisione le forze in gioco durante il trasporto di carichi pesanti.

Questo sistema, essenziale per ogni autocarro, è progettato per offrire prestazioni affidabili e immediate, fondamentali in ogni situazione di guida.

Il centro dell’impianto frenante camion è costituito da diversi componenti interconnessi: le pastiglie, i dischi o i tamburi freno, e le pinze. Questi elementi lavorano insieme per trasformare la velocità del camion in energia termica, riducendo così efficacemente la velocità del veicolo o portandolo a una completa fermata.

La manutenzione regolare di questi componenti è fondamentale e deve essere effettuata seguendo standard rigorosi, per assicurare la massima efficienza e sicurezza.

Attraverso l’esperienza e la meticolosità di Pugliese e Benelli, a Grosseto e provincia, i proprietari dei camion possono scegliere di affidarsi a loro per garantire che il sistema frenante dei loro camion rimanga in condizioni ottimali, prevenendo guasti potenzialmente pericolosi e costosi.

Nel seguente articolo redatto dal nostro team, affronteremo più nel dettaglio a cosa serve l’impianto frenante del camion, come funziona, i tipi di frenatura, la manutenzione quando è bene farla per evitare poi la conseguente riparazione e il servizio di manutenzione con Pugliese e Benelli.

Le funzioni essenziali dell’impianto frenante

Appena il conducente preme il pedale del freno, si innesca un processo che coinvolge l’intero sistema frenante del camion.

L’azione del pedale attiva la pompa nel circuito idraulico (o pneumatico, a seconda del tipo di impianto), spingendo il fluido dei freni attraverso tubi e condotti fino alle pinze freno. Queste, a loro volta, pressano le pastiglie contro i dischi freno montati sulle ruote, o spingono le ganasce contro il tamburo nei sistemi a tamburo.

Questa pressione genera attrito tra le pastiglie (o ganasce) e i dischi (o tamburi), rallentando la rotazione delle ruote e, di conseguenza, del camion stesso. L’energia cinetica del veicolo viene così convertita in calore, dissipato principalmente attraverso i dischi di freno.

È essenziale che tutti i componenti dell’impianto frenante camion, come dischi, pastiglie, tamburi e liquido freni, siano mantenuti in ottimo stato per garantire la massima efficacia e sicurezza.

Il sistema è progettato per essere estremamente affidabile, in grado di gestire il grande peso e le condizioni operative intense tipiche dei veicoli pesanti come gli autocarri. Grazie a rigorosi protocolli di manutenzione, è possibile assicurare una risposta immediata e sicura ogni volta che il pedale del freno viene azionato.

In osservanza delle normative vigenti sui veicoli industriali, è imperativo che l’impianto frenante di un camion disponga di vari dispositivi di frenatura, progettati per garantire la sicurezza attiva e preventiva.

Tra questi, troviamo la frenatura di servizio, che opera su tutte le ruote del veicolo, consentendo una decelerazione controllata indipendentemente dal carico trasportato o dalla pendenza della strada. Questa è la principale forma di frenata e si attiva tramite il pedale del freno.

Parallelamente, la frenatura di soccorso agisce come backup in caso di malfunzionamento del sistema principale, grazie al doppio circuito che permette di mantenere attiva la frenata su uno degli assi del veicolo.

Importante è anche la frenatura di rallentamento, attivata da un pulsante che manipola la valvola a farfalla e la pompa di iniezione, trasformando il motore in un compressore che contrasta la rotazione della trasmissione, particolarmente utile nelle discese per prevenire l’accelerazione del camion.

Infine, il sistema include la frenatura di stazionamento, che utilizza un meccanismo a molla per assicurare il camion in posizione anche su pendii, senza la presenza del conducente.

Questi sistemi si appoggiano sull’aderenza delle ruote alla strada, influenzata da fattori come il tipo di pavimentazione, lo stato del battistrada, la pressione degli pneumatici e le condizioni meteorologiche, che possono variare l’efficacia del sistema frenante dei camion in generale.

Tutti i dispositivi di frenatura di un impianto frenante camion

I sistemi frenanti dei camion possono cambiare notevolmente in base alla loro costruzione e funzionamento, di seguito ne elenchiamo quattro diversi fra loro:

Idraulico: utilizzato prevalentemente su veicoli leggeri fino a 3,5 tonnellate, questo sistema trasmette la forza frenante attraverso l’olio. Nei veicoli più pesanti, la forza muscolare del conducente non è sufficiente per generare una forza frenante adeguata, rendendo necessario l’ausilio di sistemi energetici supplementari.

Idropneumatico: spesso impiegato su veicoli di grande taglia, questo sistema utilizza aria compressa per il 90% delle sue funzioni, con un convertitore di forze che interviene nella fase finale. La forza frenante è trasmessa efficacemente attraverso l’aria compressa.

Pneumatico: questo sistema rappresenta una via di mezzo, dove la forza dell’aria compressa è convertita in pressione idraulica che agisce sugli elementi frenanti. A differenza del sistema idropneumatico, non utilizza un convertitore, ma include un dispositivo come il freno a mano o una molla che si attiva automaticamente in assenza di aria per fermare il veicolo.

Elettropneumatico: considerato all’avanguardia tra i sistemi di frenatura, funziona tramite un comando meccanico che invia segnali elettrici agli organi di freno. Questi ultimi operano mediante aria compressa, garantendo una risposta rapida e precisa.

Tipologie di freni utilizzati nei camion

Diverse tipologie di freni sono implementate nei camion per massimizzare la sicurezza e l’efficacia. I più comuni sono i freni a disco e i freni a tamburo.

I freni a disco, che utilizzano pastiglie per esercitare pressione su un disco rotante e rallentare il veicolo, sono apprezzati per la loro capacità di dissipare rapidamente il calore e per la loro efficacia in condizioni di umidità, rendendoli ideali per i camion che viaggiano su lunghe distanze o in condizioni meteo variabili.

Al contrario, i freni a tamburo funzionano tramite ganasce che si espandono verso l’esterno premendo contro l’interno di un tamburo rotante, rallentando così il veicolo. Questi freni sono spesso utilizzati nei veicoli più pesanti per la loro robustezza e costi di manutenzione generalmente inferiori, sebbene possano essere meno efficaci nel raffreddamento rispetto ai freni a disco.

Inoltre, molti camion sono equipaggiati con sistemi di frenatura pneumatica, che sfruttano l’aria compressa per attivare i freni. Questo tipo di sistema frenante camion è particolarmente affidabile per i veicoli pesanti, poiché offre una risposta immediata e potente, essenziale per mantenere il controllo in situazioni di emergenza.

Indipendentemente dal tipo, l’efficacia dell’impianto frenante camion dipende dalla regolare manutenzione di esso e dall’adattamento alle specifiche esigenze di ciascun veicolo, garantendo così sicurezza e affidabilità del sistema frenante autocarro.

Manutenzione dell’impianto frenante: consigli da Pugliese e Benelli

Per mantenere efficiente l’impianto frenante del camion, è importante seguire un programma regolare di manutenzione, come sottolineato dagli esperti di Pugliese e Benelli. Questo include controlli periodici e la sostituzione di componenti essenziali come pastiglie e dischi.

Il primo passo nella manutenzione è la verifica delle pastiglie dei freni, che devono essere sostituite quando lo spessore residuo scende al di sotto dei livelli di sicurezza consigliati. Generalmente, si consiglia di controllare le pastiglie ogni 10.000 km, per garantire che mantengano la loro efficacia nel tempo.

Analogamente, i dischi dei freni dovrebbero essere ispezionati regolarmente per rilevare segni di usura, come solchi o abrasioni, che possono compromettere la performance del freno.

Pugliese e Benelli raccomandano la sostituzione dei dischi ogni due sostituzioni delle pastiglie, o quando mostrano evidenti segni di deterioramento.

L’officina autorizzata IVECO di Grosseto, grazie alla sua esperienza pluriennale e all’utilizzo di tecnologie diagnostiche avanzate, è in grado di offrire una manutenzione su misura che garantisce la massima affidabilità dell’impianto frenante camion.

Oltre a garantire interventi tempestivi e precisi, Pugliese e Benelli forniscono consulenze personalizzate per aiutare i conducenti a comprendere l’importanza della manutenzione preventiva, riducendo così il rischio di guasti inaspettati e migliorando la sicurezza stradale.

Siamo a vostra disposizione a Grosseto, in via Ambra 13-15-17. Contattaci senza impegno al nostro numero telefonico 0564/455348 – 0564/465403, oppure puoi inviare una mail a service@pugliesebenelli.it.

Torna su